Bici in Monferrato

LifeBike e i suoi viaggi organizzati nel Monferrato

Dal tour dei castelli e Infernot al viaggio di Aleramo

Qualche giorno fa avevamo visto un’interessante opportunità di turismo alternativo nel Monferrato astigiano per gli amanti della bicicletta. E così questa settimana ci siamo imbattuti in un’altra intrigante realtà attiva dal 2019 nel nostro territorio.

Si tratta di LifeBike, agenzia di promozione turistica, di Giuseppe e Gabriele Catino, due guide turistiche alessandrine innamorate follemente del Monferrato, tanto da essersi messi in testa di valorizzarne le peculiarità al pari delle più battute località toscane e liguri, da sempre mete ambitissime per gli appassionati. In realtà fra le destinazioni proposte nel loro fittissimo calendario di programmazione, oltre alle due regioni già citate, ci sono anche Valle d’Aosta, Lombardia e Campania.

L’obiettivo di LifeBike è quello di organizzare viaggi nella quale i partecipanti non debbano preoccuparsi di nulla se non di farsi trovare pronti nel luogo di partenza.

Ed è qui che si fondano le competenze e passioni dei due ideatori del progetto. Giuseppe, grande esperto di informatica (lo si capisce dalla cura dei dettagli di sito internet e social ufficiali) nel tempo che non dedica alle escursioni, riesce ancora a partecipare a qualche gara di Mountain Bike e Marathon Long Distance. È un grande conoscitore di sterrati e sentieri. La mappa del Monferrato ne è ricchissima e ce ne sono davvero di incredibili adatti ad ogni livello di capacità. Per conformazione geologica il Monferrato presenta un terreno molto simile a quello toscano. Nelle Langhe non ci sono dei percorsi di questo tipo e per quale motivo non sfruttare questa particolarità? Gabriele, appassionato di ciclismo in generale, è invece specializzato nella meccanica del mezzo. Per ogni problematica durante i tragitti grazie alla sua presenza è garantita assistenza tecnica a tutti i partecipanti.

Sfogliando le pagine del sito internet ci si renderà conto di come ci siano opzioni di scelta davvero per tutti i gusti. Oltre ai percorsi standard, che fra poco andremo a scoprire, l’utente avrà la possibilità di organizzare ad hoc dei viaggi dedicati con possibilità di pernottamenti o tappe enogastronomiche lungo il percorso. Con un sovrapprezzo è possibile anche noleggiare mountain bike o biciclette a pedalata assistita. LifeBike mette a disposizione la sua flotta di mezzi che via via si sta sempre più rafforzando.

Bike in Monferrato

Quali sono però i viaggi più apprezzati lungo le nostre colline?

Un grande classico è garantito da “I Castelli del Monferrato: come si sa questo territorio è caratterizzato dalla massiccia presenza di avamposti strategici e palazzi nobiliari risalenti a diverse epoche storiche. Ognuno con la propria leggenda ed il proprio fascino reso ancora più speciale dall’unicità del paesaggio circostante. Questo percorso, dalla difficoltà di 2 su 5, ha una durata di 35 km, con un dislivello di circa 600 metri. Si parte e si arriva a Vignale, passando per Montemagno, Grazzano Badoglio, Casorzo e Viarigi. Molto caratteristico è anche “Il Tour degli Infernot. Il percorso è un saliscendi che si snoda in un anello tra cascine e vigneti tipici del Monferrato Casalese.

Il paesaggio si caratterizza per punti panoramici collinari e aree di fondovalle coltivate in cui si possono apprezzare i profumi della natura, le tracce di animali selvatici, oltre alle tradizionali tartufaie. Il tragitto, lungo 27 km, vanta un dislivello di 400 metri circa e si articola in una porzione di territorio caratterizzato da una concentrazione di architetture scavate nella cosiddetta Pietra da Cantoni. Rispetto al percorso precedente la sua difficoltà è più bassa.  Si parte e si arriva sempre a Vignale passando per Camagna e Conzano. Molto apprezzato è anche Le Terre di Aleramo, sicuramente più complesso.  55 km sono un bel pedalare, ma un po’ come la celebre cavalcata del primo marchese del Monferrato, lungo le strade che collegano Sala-Treville-Moleto-Cella Monte-Frassinello non ci si può che innamorare.

Per gli amanti delle degustazioni ci sono però altri due percorsi da non perdere. Grazie alla collaborazione con Mazzetti d’Altavilla è stato pensato Mazzetti & Bike”. L percorso è lo stesso de “I Castelli del Monferrato”, ma una volta portato a termine il giro, si farà tappa presso l’azienda Mazzetti d’Altavilla , per visitare la Casa della Grappa. Come già visto nei nostri precedenti articoli, la location val la pena di una sosta. Ricavata in un antico monastero circondato dal Parco Storico dove è situata la Cappella Votiva “La Rotonda”, una guida darà il benvenuto ai partecipanti. Compresa nella quota di partecipazione anche la visita guidata alla Distilleria e Barricaia per scoprire il processo produttivo che porta alla creazione di distillati d’eccellenza, per poi fare una splendida degustazione e visita allo shop. Ultimo ma non per importanza è anche la Bike and Wine. La modalità è la stessa di Mazzetti.

Terminato il Tour dei Castelli ci si recherà presso l’Azienda Vinicola Oreste Buzio. Un produttore di vini biologici impegnato nel rispetto della natura e della tradizione dal 1860 a Vignale Monferrato. Si farà una speciale degustazione di vini di elevata qualità a cui seguirà una visita guidata nella cantina e nell’Infernot.

Un viaggio tutto da vivere con i consigli e le dritte dei “locals” che vivono in questo magnifico territorio.

Altre storie
Con le mani Monferrato
La Fabula e l’Arbiciolù: Puntata 22 “Con le mani”