La Rocca di Camagna

Camagna Monferrato, tra infernot e cucina tipica monferrina

Nel territorio del Monferrato alessandrino, dove il paesaggio passa dai campi di grano alle prime colline ricche di vigneti e noccioleti, si trova una piccola Strada del Vino, che collega il paese di Lu e Cuccaro al comune di Camagna Monferrato.

Questo paese, famoso soprattutto per la sua chiesa di Sant’Eusebio dalla maestosa cupola che svetta nel punto più alto del centro abitato, nel 2014 è entrato a far parte dei Paesaggi Vitivinicoli del Piemonte, di Langhe, Roero e Monferrato, grazie alla presenza, nel sottosuolo, dei famosi infernot.

Camagna Monferrato e i suoi infernot

Camagna Monferrato, insieme ad altri 13 comuni, fa parte del circuito degli infernot del Monferrato. Pare infatti che a Camagna Monferrato ci siano 100 infernot nascosti al di sotto delle abitazioni. Queste particolari camere sotterranee scavate a mano nella pietra da cantoni erano adibite a cantine, per custodire i vini e altri cibi altrimenti deperibili. Gli infernot hanno delle caratteristiche specifiche, dalla struttura, con una o più stanze, dove tutto è scavato nella pietra. Al loro interno si possono trovare mensole e piccole nicchie dove venivano appoggiate le bottiglie di vino, ma anche tavoli e gradinate. Altre caratteristiche molto importanti sono la temperatura e il grado di umidità costanti che consentono proprio la perfetta conservazione delle bottiglie più preziose.

Pochi sanno che, sotto la Chiesa di Sant’Eusebio, si trova una grande cantina collegata a un infernot, un tempo usato dai frati per conservare i vini che loro stessi producevano. Questa cantina collegava direttamente la Chiesa alla bottega di paese, per questo, se entrate nella “Bottega di Camagna” che oggi è Cooperativa Agricola, in fondo al locale troverete un’antica porta in legno. Lì dietro, una galleria oggi ristrutturata completamente conduce proprio alla cantina e all’infernot, quest’ultima ancora in fase di ristrutturazione.

Un altro infernot, visibile e molto caratteristico, si può trovare nel locale che si trova proprio a due passi dalla piazza della chiesa di Sant’Eusebio: La Rocca di Camagna.

Tradizione e tipicità a La Rocca di Camagna

In un ottocentesco asilo di suore, rimasto chiuso per tanti anni, poi tramutato in ristorante, nel 2013 nasce La Rocca di Camagna, grazie alla forte passione per la cucina tradizionale di Mauro Cantatore. Lui e il suo team di chef riportano in vita il locale, con tutto l’amore per la storia e le tradizioni del Monferrato, attraverso piatti tipici, vini e prodotti del territorio.

Sempre per perseguire questo intento, si decide di recuperare l’antico infernot e la cantina dell’edificio: l’infernot, a vista, di fianco a un’intima tavernetta con i suoi due, tre tavoli e un antico caminetto, e la cantina ricca di vini del territorio (e non solo).

Vini rossi come il Barbera del Monferrato, il Grignolino del Monferrato casalese, il Freisa dell’astigiano, il Ruchè di Castagnole, il Dolcetto; vini bianchi come il Cortese, lo Chardonnay, l’Arneis; vini dolci come il Brachetto d’Acqui, il Malvasia di Casorzo, il Moscato d’Asti.

La Rocca di Camagna è un ristorante con due sale, caloroso e accogliente: all’ingresso un’antica credenza con vetrina, colma di bicchieri del servizio buono, quelli che le nostre nonne avrebbero tirato fuori e lucidato appositamente per i pranzi delle feste. Dietro la credenza, qualche tavolo, due mensole con una collezione di macina caffè di vario genere, un antico lampadario in ferro battuto e le volte a botte.

Nella seconda sala, più grande e caratteristica, una grande trave in legno attira subito l’attenzione, seguita dalle mensole sottostanti, ricche di bottiglie di vino del territorio, un pianoforte verticale, e in fondo alla sala, un’altra credenza, questa volta molto grande e alta, ricca di piatti, bicchieri, posate.

Alle finestre si può scorgere il giardino, dove una volta le suore avevano l’orto con le galline. Un’ampia tettoia copre la zona in cui sono stati aggiunti alcuni tavoli, per chi vuole pranzare all’esterno durante la bella stagione.

Qui si può gustare la vera cucina tradizionale monferrina: un menù ricco di prodotti tipici del territorio e piatti stagionali, come il gran fritto misto piemontese, che comprende 12 pezzi tra carne di vitello e maiale, salsiccia, fegato, polmone, cervello e animelle, filone, e poi amaretto, mela, semolino e carote al burro.

Non manca anche il sontuoso bollito misto, composto da testina, lingua, muscolo, punta, biancostato, cotechino e gallina, il tutto servito con i tradizionali bagnetto verde e rosso, e l’altrettanto tradizionale mostarda.

E ancora la bagna cauda, fatta “come Dio comanda”, con aglio, olio e acciughe, servita nel tradizionale fujot e accompagnata da verdure come cardo gobbo di Nizza Monferrato, topinambur, rape, peperoni, sedano e finocchio.

Se si vuole provare un menù più semplice, che ricorda il pranzo della domenica in famiglia o del tradizionale pranzo di Natale piemontese, vi consigliamo di provare:

  • L’antipasto misto della casa, con vitello tonnato, insalata russa, qualche fetta di muletta di Crea, la battuta di fassone;
  • Gli agnolotti fatti a mano, con ripieno ai tre arrosti e conditi con sugo di carne, saporitissimi;
  • Il tris di dolci della casa, un tripudio di sapori tipici del Monferrato: bonèt classico al cacao, e nella sua versione più antica, chiara. E torta di nocciole Piemonge IGP, da gustare magari con una pallina di gelato alla crema.

La Locanda di Camagna

Oltre al buon cibo, La Rocca di Camagna offre la possibilità di pernotto, come era tipico un tempo nelle locande di paese. Un punto di ristoro per i passanti, ma anche di riposo, per ripartire più riposati e rifocillati il giorno seguente.

Sopra al ristorante si trovano due camere, di cui una in stile “old piemonte”, mentre, a pochi passi dal ristorante, un appartamento indipendente per un massimo di 5 persone, con una piccola chicca: la riproduzione fedele della stanza del celebre quadro di Vincent Van Gogh in cui poter dormire.

Per maggiori informazioni:

La Rocca di Camagna

Ristorante con locanda in Monferrato
Via Matteotti 27, Camagna Monferrato AL
Tel. 0142 925138
https://www.laroccadicamagna.com/

Un viaggio tutto da vivere con i consigli e le dritte dei “locals” che vivono in questo magnifico territorio.

Altre storie
Murisengo dalla collina
8 marzo, la Mariu e la forza del Monferrato