Tenuta Tamburin

Tenuta Tamburnin, fascino secolare in Monferrato

2004. Piergiorgio Gaidano è alla ricerca di una casa che diventi il punto di riferimento per la famiglia, un luogo di pace e relax. La trova nel cuore del Monferrato, a Castelnuovo Don Bosco, terra famosa per i vini e i suoi santi (San Giovanni Bosco, fondatore dei salesiani, San Giuseppe Calafasso, San Domenico Savio e il beato Giuseppe Allamano! Questo la dice lunga sul potere di queste terre…).

Ma il genius loci qui ha altri programmi; d’altronde si sa, lo spirito monferrino è appagato dal lavoro e dal sacrificio, meno dal riposo.

E così, complice la presenza delle tre sorelle Elena, Valeria e Claudia Gaidano, e della passione per la terra che condividono con il papà, la casa destinata al riposo si trasforma in un’azienda vinicola e di accoglienza turistica.

Il nome c’è già: tenuta Tamburnin.

L’ufficiale dell’esercito Giuseppe Clerico, che la fece costruire a metà del ‘700, la chiamò così ispirandosi ai tamburi che solitamente si facevano rullare durante le avanzate del regio esercito di Savoia, per incitare le truppe della fanteria in fase di attacco ai nemici.

Alla tenuta si arriva attraverso un lungo e maestoso viale di acacie secolari!

Un tempo i tralci di potatura delle acacie venivano usati come pali di sostegno nei vigneti. Oggi vengono sfruttati come combustibile; tutti gli edifici vengono riscaldati a legna e se non bastano le potature, ogni albero utilizzato viene rimpiazzato con uno nuovo.

Sulla scia di queste scelte sostenibili, viene sfruttata anche una preziosa sorgente di acqua che soddisfa tutte le esigenze idriche e il cui esubero torna al rio esistente a fondovalle.

Dai pochi ettari iniziali, si è giunti oggi ad avere 20 ettari di terreno, di cui nove coltivati a vigneto e due a noccioleto.

I vigneti a corpo unico sono ad un’altezza di 300 m s.l.m. e formano un suggestivo anfiteatro attorno agli edifici della tenuta.

I vigneti sono tipici del territorio, Freisa, Malvasia, Bonarda, Barbera e ovviamente il Nebbiolo; la tenuta Tamburnin è infatti tra i soci fondatori dell’associazione per la tutela dell’Albugnano DOC denominata “Albugnano 549” (il numero rappresenta l’altitudine del paese di Albugnano, detto anche “balcone del Monferrato”, ma anche la data di incontro, il 5, tra 9 vignaioli di 4 piccoli comuni della DOC).

Per completare la gamma produttiva sono stati introdotti anche alcuni vitigni internazionali.

E non manca la produzione del Vermut, famoso vino aromatizzato tipico piemontese; l’etichetta del Vermut Tamburnin è stata realizzata dal maestro d’arte Marcello Peola.

Negli anni, vista la sensibilità per l’ambiente della famiglia, è stata spontanea la conversione biologica, certificata dal 2020.

Gli edifici della tenuta sono all’altezza del fascino della natura che li circonda: la ristrutturazione è stata fatta in nome della salvaguardia dell’architettura originale e oggi ospita un resort di quattro camere, i cui nomi traggono ispirazione dalla collezione di un antico erbario.

Un antico fienile, anch’esso ristrutturato in maniera conservativa, è oggi un grande salone che può accogliere fino a 200 ospiti e dalle cui grandi finestre ad arco si gode una vista incantevole sulle morbide colline del Monferrato e su Castelnuovo Don Bosco.

Per il pregio del luogo, degli edifici e della cantina storica, la tenuta è sotto la salvaguardia dei beni di interesse storico e paesaggistico.

I motivi per visitarla non mancano: una semplice visita con degustazione, un week end nella pace monferrina, l’organizzazione di feste, mostre o esposizioni, o la ricerca della big bench, ribattezzata Panchina dei Santi, la panchina gigante color verderame, tra le vigne di Tamburnin che fa parte del progetto Big Bench Community Project del designer americano Chris Bangle. Cercatela a bordo di una delle biciclette elettriche fornite dall’azienda. Ricordatevi l’hashtag se vi fate una foto qui: #tamburgreen e ovviamente #destinazionemonferrato !

Tamburnin società semplice agricola
Frazione Bardella, 2/4
14022 Castelnuovo Don Bosco (At)
www.tamburnin.it
Az.vinicola e resort +39 339 2766442   v.gaidano@tamburnin.it
Location +39 349 7237638   s.carli@tamburnin.it

Distanza da Albugnano 6 km, canonica di Vezzolano 7 km, Cocconato 13 km, Asti 34 km, Casale Monferrato 45 km

Un viaggio tutto da vivere con i consigli e le dritte dei “locals” che vivono in questo magnifico territorio.

Altre storie
Pesche ripiene
Persi pien, le pesche ripiene al forno con cacao e amaretti