Canonica di Vezzolano

Nel basso Monferrato tra canoniche romaniche, maestri restauratori e arte presepiale

La canonica di Santa Maria di Vezzolano è tra i più importanti monumenti medievali del Piemonte

Inserita nell’Itinerario culturale del Consiglio d’Europa Transromanica tra le colline del basso Monferrato, la canonica si trova nel comune di Albugnano, meta di escursioni, attraverso storici itinerari, come il Cammino di Don Bosco e il sentiero Superga-Vezzolano-Crea. Complice la magnifica posizione, una visita all’abbazia è come un salto indietro nel tempo.

Le leggende raccontano che la fondazione del complesso si è protratta per diverso tempo a causa di numerose frane, fino a quando, certi che fosse un segno divino, non si collocò proprio dove Dio aveva indicato. La destinazione del sito è fatta risalire ad epoca romana. Poi pare ci sia stata un’influenza carolingia (infatti un’altra leggenda riguarda l’imperatore Carlo Magno che, a caccia nella selva di Vezzolano, a seguito di un grosso spavento, iniziò a pregare la Vergine Maria e le fece poi edificare una chiesa). La costruzione della chiesa come la vediamo oggi prese avvio nella seconda metà del XII secolo. La facciata, molto particolare, ha tre ordini di logge cieche adornate da sculture. Anche l’impianto è originale, con un’aula a due navate e due absidi semicircolari e una terza navata laterale è inglobata nel chiostro; da esso si accede alla sala capitolare e a un’ampia foresteria. Peculiarità dell’edificio è il pontile, rara struttura che attraversa la chiesa all’altezza della prima campata; realizzato in arenaria grigia del Monferrato, dipinto e arricchito di bassorilievi. L’eccezionalità del valore artistico di quest’opera, con le preziose coloriture e il costoso uso dei lapislazzuli provenienti dal Caucaso, fa supporre un autorevole committente, probabilmente Federico Barbarossa. Tutto l’interno è inoltre ricchissimo di iconografia mariana.

Il complesso è visitabile il sabato e la domenica dalle 10 alle 17, con prenotazione obbligatoria per gruppi di più di 6 persone

Per informazioni e prenotazioni:
www.vezzolano.it

Associazione In Collina, turismo nel cuore del Piemonte
www.turismoincollina.it
infopoint@turismoincollina.it
333 1365812

Canonica di Vezzolano
Abbazia di Vezzolano, 14022
Albugnano, Asti

Da dicembre, nelle feste natalizie e fino alla prima domenica di febbraio 2022, negli orari di apertura della Canonica, nei locali della foresteria, si può anche ammirare un presepe spettacolare.

È l’incredibile opera di Anna Rosa Nicola.

La famiglia Nicola, dal primo dopoguerra, è impegnata nell’arte del restauro; inizialmente funzionante come un’antica bottega rinascimentale, ora è una grande azienda monferrina, tra le migliori del settore, con reparti attrezzati (tra cui uno dedicato alle analisi ai raggi x e infrarossi) e un archivio che documenta più di 70 anni di lavoro.

La Nicola Restauri ha recuperato dipinti di Tiziano, Giotto, Raffaello, Rubens, Picasso, restaurato la facciata lapidea del Duomo di Torino, riscoperto decorazioni settecentesche al Museo Egizio e a Palazzo Madama, ripulito il monumento equestre a Visconti al Castello Sforzesco… insomma una maestria di altissimo livello e un’azienda che inorgoglisce il Monferrato.

Questa doverosa premessa per spiegare come nasce il presepe di Anna Rosa. La manualità da restauratrice, si associa alla necessità di dare sfogo alla sua creatività, che nel lavoro di restauro è necessariamente inespressa. Così nel suo tempo libero, da diversi anni, si dedica alla costruzione di questo magnifico presepe, in continua espansione. Un presepe senza epoca, ma con atmosfere poetiche che raccontano storie ed emozioni. La cura dei dettagli è semplicemente incredibile.

Anna Rosa è in grado di miniaturizzare in maniera iperrealistica qualunque soggetto. Un presepe unico, senza paragoni, da scoprire con lentezza e stupore.

Per informazioni
www.nicolarestauri.org
www.lacabalesta.it
info@lacabalesta.it
349 5772932

Un viaggio tutto da vivere con i consigli e le dritte dei “locals” che vivono in questo magnifico territorio.

Altre storie
per raccogliere bisogna seminare
La Fabula e l’Arbiciolù: Puntata 13 ” Per raccogliere bisogna seminare”