Monumento Caduti Altavilla di Paul Maximilien Landowski

Un’opera dell’artista del Cristo Redentore di Rio svetta in Monferrato

Il monumento ai caduti di Altavilla Monferrato realizzato da Paul Maximilien Landowski

Se vi dicessimo che nel Monferrato si trova una scultura niente meno che di Paul Maximilien Landowski ci credereste? Il Monumento ai 25 Caduti della Prima Guerra Mondiale che si trova ad Altavilla Monferrato infatti porta la firma dell’artista franco-polacco, celebre per l’iconico Cristo Redentore di Rio de Janeiro. Un’imponente figura femminile di circa due metri introduce lo spettatore all’antico Castello di Altavilla divenuto oggi un palazzo residenziale e che svetta alle sue spalle.

Disarmata, indossante una fresca tunica, la Libertà stringe nel braccio sinistro il solo scudo istoriato simbolo di imprese e battaglie infinite. Scolpita nel marmo, campeggia fiera l’evocativa frase “La Libertà per cui questi prodi caddero vegli per sempre sull’Italia e sul Monferrato”. Al suo fianco, si trova il memoriale contenente tutti i nomi dei caduti del primo conflitto adornato dal tricolore issato su un’asta portabandiera. Semplice da raggiungere anche in auto, il monumento si trova nello spiazzo ricavato dall’incrocio fra via Losana e Vicolo Secondo, a pochi passi dal parcheggio dell’azienda Mazzetti d’Altavilla di cui vi abbiamo già parlato.

Originariamente questa scultura, simbolo degli ideali francesi “Liberté, Egalité e Fraternité” sicuramente era stata pensata per un altro scopo. Nei suoi primi anni “di carriera” faceva infatti parte del complesso artistico installato nel transatlantico francese “Normandie” varato nel 1932 e capace di solcare tutti i mari di quel tempo. In Monferrato però ci arrivò più tardi, grazie al dott. Franceschini, grande amante d’arte e proprietario del Castello di Altavilla che decise di donarlo al piccolo comune monferrino.

Se “Il Cristo Redentore” fu inaugurato nel 1931 sul monte Cornovado in Brasile è plausibile pensare che quest’opera sia stata modellata qualche anno prima dallo stesso artista. Considerata una delle opere più belle e importanti del nostro Monferrato merita una visita e una menzione particolare.

Quando capita di vedere un Landowski dietro casa? 

Un viaggio tutto da vivere con i consigli e le dritte dei “locals” che vivono in questo magnifico territorio.

Altre storie
Teatro Marenco Novi
Torniamo a teatro nel Monferrato