sinagoga-casale-monferrato

Casale Monferrato, alla scoperta della Casale ebraica

Casale ebraica, un itinerario per visitarla. C’è una lapide in via Alessandria che segna il luogo in cui, un tempo, si poteva accedere al ghetto ebraico di Casale Monferrato, un quartiere oggi inglobato nella città, ma facilmente distinguibile dal resto del paese.

I suoi vicoli stretti e i palazzi collegati tra loro da piccoli cortili, ma soprattutto la Sinagoga e il Museo d’arte e storia antica Ebraica e il Museo dei lumi sono ciò che testimonia, racconta e preserva il patrimonio di una comunità stabilitasi a Casale Monferrato nel 1570 col permesso di Guglielmo Gonzaga.

Ecco un breve itinerario per la Casale ebraica da non perdere assolutamente.

La Sinagoga di Casale Monferrato

Sono più di quindicimila i turisti che ogni anno visitano la Sinagoga di Casale Monferrato, un edificio all’esterno molto semplice e all’interno pavimentato di marmo e ricoperto di scritte in ebraico su tutte le pareti. Alcune riportano passi dell’Antico Testamento, altri raccontano degli interventi che, dopo la fondazione della Sinagoga nel 1595, portarono questo edificio di culto a diventare ciò che vediamo oggi.

Gli archivi della Sinagoga

Insieme alla Sinagoga si possono visitare anche i suoi archivi, con le carte che raccontano la storia delle famiglie di Casale Monferrato e le loro attività al tempo. Pergamene munite di bolla regale sancivano le restrizioni e i privilegi dei cittadini ebrei e oggi possiamo consultarle per capire la storia di questa comunità.

La comunità ebraica di Casale Monferrato

Quella di Casale Monferrato è una delle comunità ebraiche italiane riunite dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (UCEI). Oggi, a Casale, restano soltanto una decina di persone appartenenti a tre famiglie, ma nel 1761, nel comune risiedevano ben 673 persone, e la comunità aumentò ancora di numero quando, nel 1848, ottenne l’emancipazione con lo Satuto Albertino. A quel punto, gli ebrei di Casale, come tutti i suoi cittadini in generale, andarono pian piano abbandonando la città  per trasferirsi tra Torino e Milano.

Per approfondire la storia della comunità ebraica a Casale Monferrato e ammirare una delle collezioni di arte ebraica più importanti d’Europa, si può visitare il Museo d’arte e storia antica ebraica.

Il Museo d’arte e storia antica ebraica

All’interno dei matronei della Sinagoga e al primo e ultimo piano dei due edifici attigui, si trovano le sale del Museo d’arte e storia antica ebraica, luogo che ospita oggi una delle collezioni di arte ebraica più importanti d’Europa.

Il Museo è chiamato anche Museo degli Argenti, perché in questo metallo prezioso è in effetti forgiata la maggior parte dei manufatti conservati nel Museo.

Oltre a questi, si possono ammirare magnifici esemplari di Torah, il libro sacro senza pagine, scritto su un unico rotolo di pergamena.

Il museo dei Lumi

Nato nel 1994, il Museo dei lumi raccoglie e promuove una bellissima collezione di Channukiot (i candelabri ebraici) d’arte contemporanea che ha viaggiato per mostre temporanee a Parigi e Girona. Il museo è inoltre molto suggestivo perché è ospitato nei locali sotterranei della comunità, anticamente usati per fare il matzot, il pane azzimo che gli ebrei mangiano durante la Pasqua ebraica.

Info utili:
Per visitare tutti questi luoghi chiamare
0039.0142.71807 (solo al mattino)
oppure scrivere a segreteria@casalebraica.org

Photo credit: Trame di Monferrato

Un viaggio tutto da vivere con i consigli e le dritte dei “locals” che vivono in questo magnifico territorio.

Altre storie
asparagi
La carbonara del Monferrato