Nell’atelier di Elena Caterina Doria

Elena Caterina Doria

“Disegno e dipingo una bellezza insolita, non sempre facile e a tratti dissacrante.
La mia arte parla ai curiosi di natura, si lascia scoprire da chi desidera ardentemente la meraviglia, si rivela a chi ama aprire la mente al diverso, all’insolito, allo sconosciuto”

Elena Caterina Doria

Questa è la missione di Elena Caterina Doria, milanese di nascita, ma monferrina da molti anni. Diplomata alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano, studia pittura, incisione, anatomia artistica, graphic design e comunicazione visiva.

Dopo tanti anni da digital creator, torna ad esprimersi attraverso un approccio più manuale, più fisico, tornando alla pastosità dei colori, all’incognita del disegno manuale, ai pennini, le chine, i pennelli, la carta ruvida, il legno, il pirografo, l’incisione, la foglia d’oro. Il tema dominante delle sue opere è la Natura della meraviglia, della trasformazione, della contaminazione e dell’evoluzione. La sua ricerca artistica legata alla natura dà vita, tra le varie opere, alla serie “Sconfinamenti categoriali”, dove unisce elementi animali e vegetali, impreziosendoli come gioielli e arricchendoli di significati simbolici.

Queste opere senza tempo richiamano la tradizione antica della Wunderkrammer (espressione tedesca usata per indicare quell’ambiente in cui i collezionisti erano soliti conservare raccolte di oggetti straordinari). Lo spettatore delle sue opere, entrando in un’immaginaria camera delle meraviglie, è invitato a lasciarsi trafiggere il cuore dalla bellezza del mondo.

“Trittico del femminino sacro e natura” 2018
“Trittico del femminino sacro e natura” 2018
L’opera ha vinto, nel 2020, il Best 15 Talent Prize di NICE&FAIR Contemporary vision di Paratissima – Torino

Elena apre le porte del suo atelier, all’interno della casa che ha scelto per vivere nel Monferrato.

Aveva deciso di trasferirsi a Milano per ragioni lavorative e famigliari, qualche anno fa, ma il Monferrato l’ha trattenuta e cascina Magrina l’ha fatta capitolare.

Atelier Elena Caterina Doria

Un insediamento rurale sulle colline di Cella Monte, fatto di mattoni e pietre da cantoni risalenti al 1700; sulle pareti della casa è ancora possibile scorgere la presenza di porte e passaggi della struttura originale e in alcuni punti microfossili di conchiglie.

Il nome della cascina ha un’origine curiosa: durante un censimento, dal portone di un ricovero attrezzi della casa (dove ora è stata ricavata la cucina di Elena), uscì una persona alta e magrissima. Gli addetti al censimento, per memorizzarla, decisero di darle il nomignolo “Magrina”.

L’intera casa di Elena appare come un museo, con ovunque disegni, schizzi, reperti naturali, frutto di passeggiate o di viaggi, protetti da campane di vetro o appesi. E il suo studio è l’estensione della sua anima, in continuo mutamento, perché sposta, ricompone e riordina ciclicamente per esercitare la creatività.

Attraverso la finestra del suo studio entra la natura del Monferrato, che qui è bellissima, autentica, a tratti ruvida. E la stanza si riempie del raccolto delle passeggiate di Elena nei dintorni. Fogli, gusci, semi che osserva, fotografa e disegna.

Per lei ospitare i visitatori nel suo atelier è un modo per raccontare come nasce il suo pensiero, condividere un’esperienza che possa lasciare un segno e un arricchimento; un modo per entrare in contatto con l’arte in modo più intimo.

L’atelier si trova a Cella Monte (Al)

Per prenotare una visita contattare Elena
 elena.c.doria@gmail.com
 347 1334788
www.elenacaterinadoria.it

Instagram: www.instagram.com/elenacaterinadoriaartist/

E’ possibile anche prenotare corsi di acquerello, disegno a matita, disegno a inchiostro en plain air o in atelier.

I pacchetti sono da 4/5 ore e hanno lo scopo di avvicinare le persone all’arte e alla natura mediante l’osservazione, la riproduzione o la reinterpretazione degli elementi naturali che possiamo recuperare guardandoci attorno.

Un viaggio tutto da vivere con i consigli e le dritte dei “locals” che vivono in questo magnifico territorio.

Altre storie
“Sprintosa”, biciclettata collettiva tra le colline del Monferrato