Scultura sublime in Monferrato

Scultura Sublime ha fatto tappa anche in Monferrato

Un progetto artistico ambizioso che collega Acqui Terme, Casale Monferrato, Alba e Ovada

Continuano i lavori di Scultura Sublime un progetto interessantissimo ed ambizioso voluto da AIESM – Associazione Internazionale Eventi di Scultura Monumentale che ha coinvolto i centri di Acqui Terme, Alba, Casale Monferrato e Ovada. In quell’idea sempre più cosciente e condivisa di Monferrato allargato capace di arrivare fino alle Langhe, ecco una kermesse artistica di assoluto prestigio che accompagnerà da luglio ad agosto quattro dei principali centri ricettivi del Piemonte.

Apripista del progetto è stata Acqui Terme che ha ospitato gli artisti fino al 18 luglio, poi è stata la volta Casale Monferrato (dal 10 al 24 luglio). Quindi la volta di Alba (dal 24 al 27 luglio), mentre chiuderà il tutto Ovada (dal 21 al 28 agosto). Ogni centro ha potuto scegliere un tema per la quale realizzare un’opera monumentale avvalendosi anche di artisti internazionali.

Il tema scelto da Casale Monferrato è stato: “Casale capitale della scultura e Bistolfi esponente di spicco del simbolismo italiano”. Non poteva che essere Leonardo Bistolfi il centro del progetto cittadino essendo lui considerato uno dei principali esponenti del simbolismo mondiale. Contestualmente all’iniziativa sono state realizzate delle visite guidate aperte a tutti presso il Museo Civico, la Pinacoteca e Gipsoteca Bistolfi. Per realizzare il simposio sono stati scelti il serbo Nedim Hadzi Ahmetovic Mafai, la spagnola Itahisa Perez Conesa e l’italiana Valeria Vitulli che, nelle due settimane di permanenza in città, hanno dovuto creare il proprio soggetto contestualizzandolo al territorio che li ha accolti.

I lavori si sono svolti nel secondo cortile del Castello di Casale Monferrato e la cittadinanza ha potuto seguire liberamente lo sviluppo del progetto nell’arco delle due settimane. Nella mattinata di sabato 24 luglio si è tenuta una piccola cerimonia nella quale gli artisti hanno “simbolicamente” consegnato alla città le opere spiegando individualmente quanto realizzato. L’Amministrazione Comunale ha quindi omaggiato gli artisti con una pergamena di partecipazione al Primo Simposio di Scultura e consegnato una bottiglia di buon vino monferrino come ringraziamento da parte della comunità.

Foto: Paola CasulliUfficio Comunicazione del Comune di Casale Monferrato

Un viaggio tutto da vivere con i consigli e le dritte dei “locals” che vivono in questo magnifico territorio.

Altre storie
È ora di ufficializzare il “Metodo Martinotti – Il Metodo Italiano”